Gli ordini di arresto hanno impedito circa 60 milioni di nuove infezioni da coronavirus negli Stati Uniti e 285 milioni in Cina, secondo uno studio di ricerca pubblicato lunedì che ha esaminato come gli ordini stay-at-home e altre restrizioni limitavano la diffusione del contagio.

Uno studio separato degli epidemiologi dell’Imperial College di Londra ha stimato che gli arresti hanno salvato circa 3,1 milioni di vite in 11 paesi europei, tra cui 500.000 nel Regno Unito, e hanno diminuito i tassi di infezione di una media dell’82 per cento, sufficienti a guidare il contagio ben al di sotto dei livelli epidemici.

I due rapporti, pubblicati lunedì sulla rivista Nature, forniscono nuove prove che gli arresti aggressivi e senza precedenti, che hanno causato enormi interruzioni economiche e perdite di posti di lavoro, erano necessari per fermare la diffusione esponenziale del nuovo coronavirus.

Ma la stragrande maggioranza delle persone rimane suscettibile al virus. Solo circa il 3-4 per cento delle persone nei paesi studiati sono stati infettati fino ad oggi, ha detto Samir Bhatt, autore senior dello studio dell’Imperial College di Londra.

“Questo è solo l’inizio dell’epidemia: siamo molto lontani dall’immunità del mandria”, ha detto Bhatt lunedì in una e-mail. ” Il rischio che si verifichi una seconda ondata se tutti gli interventi e le precauzioni vengono abbandonati è molto reale.”

Il primo studio, condotto da ricercatori dell’Università della California a Berkeley, ha esaminato sei paesi – Cina, Stati Uniti, Francia, Italia, Iran e Corea del Sud – e ha stimato come 1.717 interventi, come ordini di soggiorno a casa, chiusure di affari e divieti di viaggio, hanno alterato la diffusione del virus. La relazione ha concluso che questi sei paesi sono riusciti collettivamente ad evitare 62 milioni di infezioni confermate dai test. Poiché la maggior parte delle persone che sono infetti non vengono mai testati, il numero effettivo di infezioni che sono state evitate è molto più alto – circa 530 milioni nei sei paesi, i ricercatori di Berkeley hanno stimato.

Il tempismo è cruciale, ha rilevato lo studio. Piccoli ritardi nell’implementazione degli arresti possono portare a “esiti di integrità drammaticamente diversi”. Il rapporto, mentre rivedendo ciò che ha funzionato e ciò che ha fatto poca differenza, è chiaramente rivolto ai molti paesi del pianeta che sono ancora all’inizio della loro battaglia contro il coronavirus.

“Le società di tutto il mondo stanno valutando se i benefici per la salute delle politiche anticontagio valgono i loro costi sociali ed economici”, ha scritto il team di Berkeley. I costi economici delle chiusure sono molto visibili: negozi chiusi, enormi perdite di posti di lavoro, strade vuote, linee alimentari. I benefici per la salute degli arresti, tuttavia, sono invisibili, perché coinvolgono persone non disgustate.

Che ha spinto i ricercatori a venire con le loro stime di infezioni prevenute. Il team di Berkeley non ha prodotto una stima delle vite salvate.

Una scoperta sorprendente: le chiusure scolastiche non sembrano avere effetti significativi, anche se gli autori hanno affermato che la questione richiede ulteriori studi. Vietare grandi raduni ha avuto più effetto in Iran e in Italia che negli altri paesi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here